E’ una cittadina di 5000 abitanti posta sull’omonimo fiume Tarn nella regione Midi Pirenei a circa 30 Km da Tolosa in Francia. Le prime notizie “del castellum” di Villemur risalgono al 1035, ma e il 1178 la data ufficiale in cui viene documentata la nascita della città.

Posta in posizione favorevole alla difesa, la cittadina diventa presto sede fortificata con una vulnerabilità solo in due punti: a sud con il guado sul fiume, al nord con l’accesso da una piccola collina.

Di fronte al guado viene costruita una torre e sulla piccola collina un massiccio castello. Questi due impianti  diventano sufficienti, con un anello di mura perimetrali, a dissuadere i possibili aggressori.
Ancora oggi queste due antiche fortificazioni sono il simbolo di Villemur sur Tarn.

La città vecchia si snoda tra viuzze e “venelles” (passaggi coperti) tra il fiume con la sua torre di difesa, un vero gioiello di architettura militare, e il castello. Importante è anche la chiesa di San Michel con affreschi nel coro del pittore Bénézet.

Tra il 1229 e il 1596 Villemur vive di battaglie e guerre religiose tra cattolici e protestanti per poi vivere le vicissitudini di tutta la Francia proprio dal 1596.

Il 3 marzo 1930 la città subisce una devastante alluvione con il livello dell’acqua che supera di 18 metri gli argini. Gli anni che seguono sono di ricostruzione e per mancanza di mano d’opera locale vengono in aiuto anche operai Italiani che lì poi si stabiliranno e costituiranno una importante comunità.